Building Automation

Quando parliamo di Building Automation ci riferiamo alla “gestione integrata degli edifici”: lBuilding Automation consente di progettare soluzioni all’avanguardia per quanto riguarda la creazione e la ristrutturazione di impianti di gestione nell’ambito alberghiero, sanitario, terziario e professionale. All’interno di un impianto nel quale si voglia implementare tale soluzione potranno coesistere ad esempio sottosistemi quali sistemi di riscaldamento e condizionamento, sistemi di gestione dell’energia elettrica e illuminazione, videosorveglianza, sicurezza, antincendio, impianti multimediali ecc…
Esempio di realizzazione: Touch Screen Crestron per il controllo e gestione degli impianti domotici di casa come illuminazione, clima, tapparelle, audio/video ecc
Le tecnologie informatiche costituiscono lo strumento indispensabile per il raggiungimento di questi obiettivi, consentendo l’integrazione delle risorse impiantistiche presenti nell’edificio. Gli impianti non sono più concepiti come sistemi separati, ma integrati, creati e pensati seguendo le funzionalità richieste dal cliente: si delinea così una progettazione che riunisce le competenze dei diversi specialisti, per raggiungere elevati livelli prestazionali nel funzionamento dei singoli sistemi e dell’edificio nel suo insieme. Il progetto di Building Automation deve pertanto comprendere la progettazione di una struttura edilizia (l’edificio tradizionalmente inteso, progettato in modo tale da massimizzare le proprie caratteristiche prestazionali), integrato ad un sistema informatizzato, organizzato in maniera tale da poter garantire comfort, sicurezza e risparmio energetico.
Le aree che devono essere prese in considerazione nella progettazione di un edificio intelligente sono tre:

l’area dell’automazione degli impianti 

 

  • l’area del trattamento delle informazioni
  • l’area della comunicazione
 Gli impianti che fanno parte di queste aree devono essere progettati secondo le loro caratteristiche tecniche peculiari, senza però tralasciare le relazioni che essi intrattengono con la struttura edilizia e, soprattutto, le sinergie che è possibile ottenere attraverso la loro integrazione; se si considera, ad esempio, che nelle costruzioni del terziario i costi di questi impianti assorbono un terzo dell’intero costo di costruzione e se a questo si aggiunge l’elevato costo di gestione di tali strutture, si comprende l’importanza di un’accurata progettazione che eviti i sovradimensionamenti o le ridondanze della strumentazione impiantistica da installare ma che, soprattutto, consenta di ottimizzare i costi di gestione.